St. George Institute: qualche consiglio per non dimenticare le lingue durante l’estate

Eccola, l’estate 2018 si è ufficialmente aperta. Arriva l’estate e, come spesso accade, si sospendono tutte le attività di studio o di carattere intellettuale per lasciare il posto a un periodo di divertimento, sana leggerezza e svago.

Con tutti i rischi del caso, soprattutto per gli studenti impegnati nell’apprendimento di una lingua straniera. Le lezioni di durante il periodo estivo vengono interrotte o si diradano, complice la voglia di riposo, di relax. Questa diminuzione di intensità può comportare non solo un rallentamento nel percorso didattico, ma anche la dimenticanza, una parziale retrocessione, sia per quanto riguarda l’aspetto nozionistico ossia il dialogo, l’ampiezza del vocabolario, la capacità di utilizzarlo in maniera corretta, sia per ciò che per ciò che concerne l’abitudine e la dimestichezza nell’uso della lingua, il “masticarla”, il parlarla e il pensarla. Vogliamo darvi qualche piccolo suggerimento per non dimenticare l’abitudine e lo studio di una lingua durante l’estate:

  1. Organizzare un soggiorno all’estero, una vacanza studio: St. George Institue ha molte offerte, non avete che l’imbarazzo della scelta, mete interessanti e divertenti per imparare l’inglese o qualunque altra lingua vogliate in serenità. La scelta più ovvia è quella di coniugare l’utile al dilettevole. E siccome i paesi in cui la lingua ufficiale è l’inglese sono diversi, anche come tipologia, le opzioni vacanziere a vostra disposizione sono le più varie!
  2. Gli Audiolibri: chi va in vacanza fa solitamente fatica a prendere in mano dei libri, anche di carattere leggero: a molti, infatti, il solo fatto di sfogliare un libro richiama alla mente lo studio, pensiero che spesso si desidera tenere lontano, almeno per il breve spazio di una vacanza.
  3. Social networking: i tanto criticati e demonizzati ma al tempo stesso utilissimi e ormai pressoché irrinunciabili per coloro che desiderano condividere ricordi ed esperienze delle loro vacanze, restano un modo valido per scambiare e scrivere in lingue diverse.
  4. Infine, i Summer Camp: vi consigliamo, ve ne troviamo tanti, belli, divertenti, interessanti.
    Dedicati ai più giovani (orientativamente agli studenti della scuola dell’obbligo e delle superiori), questi campi scuola estivi consentono a ragazzi di ogni parte del mondo di immergersi in maniera totale e totalizzante nello studio della lingua inglese, in particolare, coniugando attività didattiche e ludiche in misura trasversale e paritaria.

Condividi articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scuola di lingue con tre sedi a Roma e specializzata nell'insegnamento delle più importanti lingue europee.

Correlati

Iscriviti alla newsletter